Dolori della crescita del cane da pastore tedesco – Capire e trattare la panosteite

Domanda del proprietario del cane

"Salve, ho un adorabile cane da pastore tedesco che a volte zoppica e prova dolore, ma non ha lesioni visibili. Di cosa si tratta e cosa posso fare?".

Risposta del veterinario

Salve! Quello che descrive è molto simile alla panosteite, che è comune nelle razze canine a crescita rapida e di grossa taglia come il Pastore tedesco.

Panosteite

La panosteite, talvolta chiamata dolore da crescita, è una condizione temporanea che comporta l'infiammazione del tessuto interno delle ossa lunghe (il canale midollare). Si manifesta più comunemente tra i 5 e i 18 mesi di età e può verificarsi in entrambe le zampe, spesso alternandosi tra di esse.

La panosteite è generalmente caratterizzata dall'insorgenza improvvisa di zoppia di intensità variabile. Spesso arriva e scompare all'improvviso e a volte apparentemente senza motivo.

La causa esatta della panosteite non è nota, ma si sospettano fattori genetici, nutrizionali e immunitari.

La malattia viene solitamente diagnosticata mediante radiografie, che mostrano i tipici cambiamenti nelle ossa che indicano l'infiammazione.

Sebbene la panosteite possa essere dolorosa nei cani, di solito si risolve completamente quando il cane smette di crescere!

Il trattamento mira ad alleviare il dolore e l'infiammazione, spesso con farmaci antinfiammatori non steroidei.

Il veterinario probabilmente consiglierà anche di limitare l'esercizio fisico del cane per evitare che la panosteite peggiori, soprattutto se il cane soffre.

È importante notare che i sintomi della panosteite possono essere simili a quelli di altri problemi più gravi, come la displasia dell'anca o i tumori ossei, quindi è importante consultare il veterinario per una diagnosi accurata e un trattamento adeguato!

Allo stesso tempo, posso assicurarvi che la panosteite, sebbene possa spaventare i proprietari, non causa quasi mai danni permanenti e i cani possono condurre una vita completamente normale una volta che la condizione è passata.

Spero che questo abbia contribuito a chiarire un po' la situazione. Siamo sempre qui per qualsiasi altra domanda!

>>  Problemi di respirazione del Bulldog inglese: come possiamo aiutarlo?